top of page
  • Dott. Daniele Basta

Stress e salute intestinale


Lo stress psicologico non solo influisce sul benessere emotivo, ma può anche avere gravi conseguenze sulla salute fisica. Una nuova ricerca pubblicata su Cell ha dimostrato che lo stress può aggravare l'infiammazione intestinale causata da determinate malattie dell'intestino, come l'IBD (malattia infiammatoria intestinale). Ciò significa che il nostro stato emotivo può influenzare direttamente la gravità e il decorso di queste patologie.


Ma qual è il meccanismo che collega lo stress all'infiammazione intestinale?


Gli scienziati hanno scoperto che fattori chimici prodotti nel cervello durante situazioni di stress finiscono nelle cellule immunitarie dell'intestino, scatenando una reazione infiammatoria. Questo significa che il nostro stato mentale può comunicare direttamente con il nostro sistema immunitario, influenzando la risposta infiammatoria nell'intestino.


Le conseguenze metaboliche dell'infiammazione intestinale sono significative. L'infiammazione cronica nell'intestino può compromettere l'assorbimento dei nutrienti, causando carenze vitaminiche e malnutrizione. Inoltre, l'infiammazione può compromettere la barriera intestinale, consentendo alle sostanze nocive di passare nell'organismo, causando un aumento dell'infiammazione sistemica e potenzialmente contribuendo allo sviluppo di altre patologie.


È importante sottolineare che lo stress non riguarda solo l'intestino. È stato osservato che lo stress può anche esacerbare le malattie infiammatorie della pelle e dei polmoni. Questo suggerisce che i meccanismi di segnalazione infiammatoria attivati dallo stress possono essere simili in diverse parti del corpo. In altre parole, il nostro stato emotivo può influenzare non solo l'intestino, ma anche altri sistemi del nostro organismo.


Ciò che rende questa ricerca particolarmente importante è che suggerisce un'idea controcorrente rispetto al trattamento medico convenzionale. Fino ad ora, il fattore psicologico dello stress è stato spesso trascurato nella gestione delle malattie infiammatorie dell'intestino. I pazienti sono stati trattati principalmente con terapie farmacologiche mirate all'infiammazione, senza considerare il ruolo fondamentale che lo stress può svolgere nella progressione della malattia. Tuttavia, questa nuova scoperta mette in luce la necessità di una gestione integrata delle malattie infiammatorie, che includa la valutazione e il controllo dello stress come parte del protocollo di trattamento.


Gli esperti suggeriscono che la gestione dello stress potrebbe avere un impatto significativo sull'efficacia dei trattamenti per le malattie infiammatorie dell'intestino. Ridurre lo stress può aiutare a ridurre l'infiammazione nell'intestino e migliorare i risultati dei trattamenti farmacologici. Ciò implica l'importanza di adottare strategie di gestione dello stress, come la pratica di tecniche di rilassamento, l'esercizio fisico regolare e il supporto psicologico, come parte integrante del percorso di cura.


In conclusione, lo stress può avere un impatto significativo sulla salute e può influenzare l'infiammazione intestinale causata da malattie come l'IBD. I meccanismi di segnalazione chimica tra il cervello e l'intestino possono innescare una risposta infiammatoria e compromettere il metabolismo intestinale. È fondamentale che la comunità medica prenda in considerazione il fattore psicologico dello stress nella gestione delle malattie infiammatorie, al fine di offrire un trattamento completo e integrato per i pazienti affetti da queste patologie.



 

Fonte:

https://linkinghub.elsevier.com/retrieve/pii/S0092867423004750

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page